Chi siamo

Scienziatə e attivistə

Alessandro



Fisico teorico e studente di dottorato in Agrobiodiversità della scuola Sant'Anna di Pisa, co-autore IPCC.

Anna



Biologa marina e studentessa di dottorato in Ecologia Marina all'università di Pisa.

Damaride



Ingegnera ambientale, esperta di economia circolare e rigenerazione.

Emanuela



Ecobiologa e Tecnica di laboratorio chimico/biologico, professoressa di matematica e scienze alle medie.

Luigi



Biofisico e attivista per il clima, co-autore IPCC.

Isabella



Ecotossicologa, coordinatrice del progetto “Scienza sull’Elsa” in Val D’Elsa per il monitoraggio partecipato del fiume Elsa.

Laura



Scienziata ambientale specializzata in scienza del suolo e impatti socio-ambientali.

Pietro



Biofisico e professore di Fisica presso l’Istituto Sarrocchi di Poggibonsi, coordinatore del progetto “Scienza sull’Elsa” in Val D’Elsa per il monitoraggio partecipato del fiume Elsa.

Martina



Specialista in cooperazione internazionale e adattamento al cambiamento climatico.

Viola



Sccienzata naturale, autrice del progetto "Violatipia" di artigianato e divulgazione scientifica a tema botanico.

Realtà locali

Contadinazioni

Associazione e collettivo che opera in Sicilia, all’interno della rete FuoriMercato

Contadinazioni nasce nel 2014 simbolicamente al ghetto di Campobello di Mazara (TP) Oggi Contadinazioni, dopo anni di attività, riflessioni e sperimentazioni accosta al suo nome la parola FuoriMercato.

SCOPRI DI PIÙ

Tra le attività principali di Contadinazioni si ritrovano:

  • Sostegno all'agricoltura contadina, ai contadini e alle contadine e a progetti di lavoro in autogestione;
  • Percorsi di analisi sui temi della sostenibilità promuovendo un approccio di ricerca-militante o di ricerca-azione.

La rete dei coltivatori di Contadinazioni produce olio, olive e pomodori, tutti in regime biologico, senza trattamenti dannosi per le colture. È qui che interviene il sostegno di Scienza Radicata! Attraverso un percorso che possa essere riproducibile vogliamo aiutare i contadini ad osservare e capire il proprio terreno, a risolvere i problemi legati alle coltivazioni in modo semplice e poco dispendioso. Come?

  1. Confrontandoci e capendo le problematiche da affrontare insieme (scarsità d’acqua, smaltimento rifiuti, salute del terreno);
  2. Costruendo insieme un percorso scientifico e di monitoraggio ambientale facilmente riproducibile e poco dispendioso;
  3. Sperimentando in loco la ricerca e analizzando i risultati ottenuti.

Collettivo NO Porto

Il Collettivo NO Porto e l’occupazione del Bilancione, nascono dall’esigenza di riappropriazione fisica di uno spazio che era stato sottratto in nome delle grandi opere portuali, che hanno alterato a fini speculativi la struttura e la biodiversità della costa. Questa realtà è il simbolo della resistenza contro il Porto, la possibilità di dare una risposta concreta ad un’esigenza di valorizzazione ambientale, sociale e culturale. A distanza di 8 anni, il collettivo ha fatto tanto per la sensibilizzazione della comunità circa l’impatto ambientale che queste opere hanno sul mare e sul suolo. Il lavoro di Scienza Radicata sarà quello di supportare la rivendicazione con i dati scientifici raccolti da semplici campagne di monitoraggio per dimostrare che continuare a investire in grandi opere portuali in un territorio come quello di Fiumicino è deleterio per l’ambiente e per tutta la sua comunità.

SCOPRI DI PIÙ

Altre organizzazioni

Source International


The Science Zone


Controtempo


Sostieni le attività di Scienza Radicata

Aiutaci a portare a termine le nostre campagne

Dona ora